La donna lupa

Onoro la Madre, celebrando me stessa.

Onoro la Madre, amando me stessa.

Onoro la Madre, ascoltando me stessa.

Onoro la Madre, accogliendo me stessa.

La donna lupa è la donna selvaggia, una donna che non ha paura di sondare il mistero racchiuso nelle sue viscere, di vivere in modo autentico, totale, guidata dal suo istinto e dalla sua anima. Lei danza libera e canta un inno di gioia e guarigione, e chiunque la incontri non può fare a meno di essere toccato e abbacinato dall’intensità della sua energia vitale. Lei non può essere chiusa in una stanza buia e dimenticata – si dice che una volta che la percepisci dentro di te, non ne potrai più fare a meno.

Se tenti di rinchiuderla in qualche angolo della tua mente, lei griderà per la smania di uscire. La donna selvaggia odia i luoghi chiusi, lei ama l’aria aperta che profuma di sole e di tutti gli odori della terra. Lascia che lo yoga e la meditazione siano finestre sempre aperte affinché ti giunga la sua voce, il suo respiro… Continua ad ascoltare la sua voce… Tu continua solo ad ascoltare la sua voce…

I piedi sono le nostre radici, che affondano nella terra fino al nucleo della materia. Le braccia sono i nostri rami, che svettano verso il cielo fino a raggiungere le vette dell’anima. Il vento ci fa oscillare, quando la vita ci chiede di prendere una posizione, rischia a volte di spezzarci, ma se le radici sono forti – se le braccia sono flessibili… possiamo trovare la stabilità e la potenza dell’albero dentro di noi, e continuare a crescere negli infiniti spazi dell’anima.

“…le porte sul mondo del Sé selvaggio sono poche, ma preziose. Se avete una cicatrice profonda, questa è una porta. Se amate il cielo e l’acqua tanto da non poterlo quasi sopportare, questa è una porta. Se desiderate fortemente una vita più profonda, una vita piena, una vita sana, questa è una porta.”

(Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi, p.XXXIII)

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *