Eventi

CICLO DI TRE LEZIONI SULL’OMBRA
Pranayama, Kriya e Meditazioni di Kundalini Yoga secondo gli insegnamenti di Yogi Bhajan

 

  • OSCURITA’ / OSSA [mi addentro nella mia ombra]da lunedì 28 ottobre 2019
  • MORTE / SCHELETRO [lascio andare e permetto la trasformazione] – da lunedì 4 novembre
  • LIBERAZIONE E RINASCITA / ANIMA [sono a mio agio e rinasco sotto altra forma] – da lunedì 11 novembre

[per conoscere il calendario clicca qui]

…Quando l’oscurità interiore si fonde nel buio della notte, senza giudizio né paura, tutto si sgretola – resta l’infinita espansione, la gioia inattesa.
Cercare a ogni costo la luce perché si teme il contatto con il disagio e con il buio, anche quando è proprio l’ombra a chiamarti e ad avvolgerti con tutta la sua dolcezza, significa mancare quell’apertura di cuore che tanto inseguiamo, ma che pure temiamo, e che solo accogliendo la nostra oscurità possiamo pienamente manifestare.

L’ombra è sempre presente all’interno della luce, e la luce è sempre presente nel buio, anche il più oscuro… Non bisogna temere né l’una né l’altra, perché entrambe fanno parte di noi, della polarità del mondo, e ci rendono vivi, magici, profondi. L’ombra dà profondità alla luce, senza di lei sarebbe tutto piatto, senza prospettiva. E la luce è calore, è amore, è il nostro potenziale più elevato. Il punto è diventare consapevoli sia della nostra parte luminosa sia di quella oscura, senza repressioni o giudizi, e lasciare che l’esistenza si dispieghi tutta intorno a noi, gioiosamente, con stupore di bambini e cuore aperto – qualunque cosa accada.

Per raggiungere la luce più vera del nostro cuore, però, è necessario prima affrontare le zone oscure che ancora ci impediscono di splendere e manifestare i nostri doni, sapendo che anche se non la vediamo/sentiamo lei è sempre lì, e che è a lei che tendiamo, celata da qualche parte nella notte come la luna quando è nascosta dalle nubi o dall’ombra della Terra.

Questo è il momento. E noi possiamo rispondere con coraggio e curiosità al richiamo dell’invisibile, del buio che presto si farà ancora più incombente, e riposare nel silenzio della notte completamente a nostro agio. Diventiamo finalmente liberi di essere ciò che siamo e perdiamoci nella bellezza dell’infinito.

Senti la chiamata anche tu?