La via della Luna Nascente

Kundalini Yoga

Il Kundalini Yoga è uno stile di yoga adatto a tutti che, attraverso asana (posture), pranayama (tecniche di respirazione), mudra (particolari modi di posizionare le mani e le dita), bandha (chiusure) e mantra (suoni sacri), permette di sviluppare il proprio potenziale più elevato.

Di origini tantriche antichissime, il Kundalini Yoga è rimasto segreto per millenni, trasmesso per via orale soltanto da maestro a discepolo, finché il maestro indiano Yogi Bhajan ha rotto questa regola portandolo in Occidente alla fine degli anni Sessanta e aprendolo a chiunque volesse fare esperienza dei suoi benefici.

È chiamato anche Yoga della Consapevolezza, in quanto le sue pratiche mirano a risvegliare la consapevolezza di chi siamo realmente integrando corpo, mente e spirito, e allineando pensieri e azioni. Attraverso tecniche che lavorano sulle energie per trasformarle dal grossolano al sottile, il Kundalini Yoga può espandere il nostro essere e donare salute, vitalità, benessere, gioia e forza interiori, insieme a una visione più ampia della vita.

A livello fisico stimola forza e flessibilità, rinvigorendo e bilanciando organi e sistemi (nervoso, immunitario, ghiandolare, cardiovascolare, digestivo), mentre a livello mentale riporta equilibrio e armonia, potenzia intuizione, chiarezza, energia creativa e resistenza ad ansia e stress, eliminando gli schemi di pensiero limitanti e mettendoci in contatto con il nostro Sat Nam – la nostra Vera Identità.

Una classe di Kundalini Yoga in genere comprende mantra di apertura, riscaldamento, kriya (sequenza di esercizi statici o dinamici), rilassamento, meditazione, mantra di chiusura.

Il Kundalini Yoga è l’arte della sequenza, del ritmo e del suono. Non è fatto per isolarsi dal mondo, ma per vivere nel mondo con una maggiore consapevolezza di scelta, creatività ed equilibrio.

 

“È arrivato il tempo di diventare i maestri di noi stessi, il tempo di dare a noi stessi una direzione, il tempo di padroneggiare la nostra vita… Illumina quell’angolo dove nessuno ha il coraggio di entrare.”

Yogi Bhajan